GESTIONE DEI RIFIUTI – una breve introduzione

Molto spesso si sente parlare dell’impatto che i rifiuti hanno sulle nostre città. Essi sono causa di molestie di vario tipo, visivo, spaziale e soprattutto olfattivo. In quest’ introduzione daremo una definizione più precisa della parola “rifiuto” e prenderemo una vista dall’alto della loro complessa gestione.

Prima di tutto, che cos’è un rifiuto?

Un rifiuto è una qualsiasi sostanza di cui un possessore abbia intenzione o l’obbligo di disfarsi o di cui si sia già disfatto.

In questa breve panoramica non andremo a categorizzare i vari tipi di rifiuto, ma ci accontenteremo di questa, seppur breve, definizione. Una volta che si è generato il rifiuto, bisogna adoperarsi per sapere come disfarsene. I cittadini hanno il dovere di porre i rifiuti che producono in appositi contenitori (i cassonetti) o consegnarli direttamente ad un’ente che si prenda la responsabilità della loro gestione. Gestire il rifiuto e disfarsene sono due concetti che fin da ora dovremo distinguere:

  • DISFARSI di un rifiuto indica l’azione di porre quest’ultimo in un luogo consono oppure, come già detto, consegnarlo ad un’ente che se ne occupi;
  • GESTIRE un rifiuto è un’operazione che spetta ad enti particolari i quali lo tratteranno e se possibile cercheranno di reimmetterlo in un ciclo di produzione o destinarlo ad altre operazioni. Tutto questo verrà trattato in seguito, per ora limitiamoci a comprendere che il destino di un rifiuto è molto aleatorio, infatti dipende da certe qualità che questo possiede.

Nei prossimi articoli andremo a parlare della gestione in modo più specifico dal momento che sono previsti vari tipi di analisi:

  • QUANTITATIVA, in cui apprenderemo il numero di rifiuti prodotto in una data unità di tempo – tipicamente si considera un anno – per persona per paese;
  • QUALITATIVA, in cui risponderemo a domande come “Cosa contengono i rifiuti? Che potenzialità hanno?”
  • NORMATIVA, dove prenderemo in esame, in modo sommario, le varie norme legate alla gestione. Disamineremo inoltre i programmi di prevenzione, riutilizzo e riciclaggio.
  • CLASSIFICATIVO: in questo punto considereremo come vengono classificati i rifiuti in base ad alcune loro caratteristiche chimico-fisiche e prenderemo in esame le varie responsabilità legate al trasporto e alla loro corretta gestione. Vedremo anche le varie caratteristiche di pericolosità che un rifiuto può avere.

In ultima analisi vedremo la vera e propria GESTIONE DEI RIFIUTI, studiando il funzionamento dei trattamenti meccanico-biologici, il bioessiccamento, i termovalorizzatori e altri metodi per smaltirli. Purtroppo non sempre ciò è possibile, e ne vedremo il motivo.

Perciò prenderemo in esame questi punti, trattandoli in maniera che siano fruibili, ma soprattutto comprensibili a tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...